Siddhartha il musical

Siddhartha il musical

Comments Off

Parafrasando Galilei posso dire che un buono spettacolo teatrale è per un quarto preparazione e tre quarti mestiere: solo una grande passione e una solida professionalità permettono di portare in scena uno spettacolo così emozionante in una sola settimana di prove tecniche.
Guidati dall’entusiasmo di Chiara Valli, coreografa del musical, è stato possibile, in grande sinergia tra i reparti, costruire lo show luci e video perfettamente in sincrono con l’audio.
Un unico timecode generato dalla traccia audio ha permesso di portare in tour per tutta Italia lo spettacolo, riducendo al minimo i tempi tecnici per l’allestimento.
Utilizzando due videoproiettori 8K Christie frontali accoppiati e uno più piccolo, 6500 ansilumen per il boccascena, forniti da Event Management, è stato possibile aggirare la problematica delle scene mobili, che a volte avrebbero impedito di proiettare in spazi ridotti nella parte più interna del palco.
Un sistema Catalyst ha permesso la necessaria versatilità di gestione e aggiustamento delle proporzioni durante il tour in teatri dalle dimensioni non sempre proporzionali allo standard.
La programmazione in timecode con GrandMa ha permesso di fondere lo show video su quello principale luci, creato parallelamente dal light-designer Alessandro Velletrani, che con grande competenza ha saputo rispettare la poesia del testo,senza rinunciare ad alcuni momenti in chiave rock.
Il VisualDesign è stato curato da Davide Carioni, più noto come Asker nel mondo del writing, un valido esperto di grafica 3d e mapping video che ha saputo interpretare il gusto onirico e iconografico delle opere a cui è ispirato il musical.

Partners

Un buon partner è un vantaggio strategico

Social Network

Back to Top